Borghi,  Italia,  Toscana

Cerreto Guidi e l’Infiorata 2019

Appena sono arrivata a Cerreto Guidi era in corso una festa per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo, tutta la strada che circonda la Villa Medicea era ricoperta di quadri di Leonardo fatti con i fiori, quadri simili agli autentici e altri in stile caricatura, soprattutto sulla Gioconda.

Cerreto

Cerreto

Cerreto Guidi è un caratteristico borgo intriso di mistero, omicidi, castelli distrutti ed una villa appartenuta ad una delle famiglie più potenti ed importanti della storia toscana ed italiana: i Medici.

Inoltre Cerreto Guidi ha giocato un ruolo fondamentale nel corso della storia locale, essendo situato in un luogo naturalmente fortificato grazie alla posizione elevata: più precisamente, Cerreto si trova nel punto in cui la valle dell’Arno si apre verso la piana di Pisa e verso la Via Francigena.

La città era, spesso, chiamata semplicemente “Greti”, in riferimento ai versanti dell’irta collina che si ergeva vicino al fiume e che serviva come difesa naturale dalle inondazioni dell’Arno. Il nome di questa piccola località cambiò quando la potente famiglia dei Guidi si insediò all’interno delle sue mura nel 1086. Non molto tempo dopo essersi insediati all’interno delle mura di Cerreto, i Conti Guidi, signori feudali medievali del Casentino, sostituirono la parola Greti con quella della loro casata, Guidi.

Se la famiglia Guidi dette alla località il suo nome, quella dei Medici le diede l’aspetto che noi tutti possiamo ammirare oggi: Cosimo I de’ Medici, Granduca di Toscana, vide in questa zona un potenziale futuro come luogo in cui rilassarsi e prendersi una pausa dallo stress quotidiano della sua famiglia, dato soprattutto che qui poteva praticare alcune delle sue attività preferite, come la caccia e le lunghe camminate in mezzo alla natura. Non fu difficile realizzare un semplice “capanno” da caccia, che oggi è diventato la famosa villa che possiamo visitare.

Cerreto

Si tratta di una villa del tardo 1500 che fu commissionata appunto da Cosimo I, durante la seconda metà del 16° secolo fu ampliata, quando la città fu annessa ai possedimenti del Granduca di Toscana. Oggi, ospita un museo dedicato alla caccia, uno dei passatempi preferiti di Cosimo, così come diversi dipinti di rinomati artisti.

Cerreto

Per raggiungere l’ingresso della Villa bisogna fare due rampe di scalinate e arrivati in cima possiamo godere della vista che si ammira da lassù.

Cerreto

Un tempo la “Rocca”, o Castello dei Conti Guidi, era ubicata nel centro della città, letteralmente formato da anelli concentrici, tuttora visibili, ma il castello, risalente al 14° secolo, non esiste più. L’antica costruzione, infatti, che comprendeva anche diverse torri che facevano parte del sistema di difesa, fu distrutta e smantellata ed il materiale ricavato fu spesso riutilizzato per costruire diverse delle ville medicee sparse in Toscana.

La posizione, ottima, non era stata scelta casualmente, dato che i “greti”, o i ripidi pendii, servivano come protezione. Oggi, la collina che lo ospitava è ricoperta di oliveti, in modo da ridurre il rischio di frane.

Accanto alla Villa si trova la Pieve di San Leonardo, con il suo campanile, che sappiamo risalire al 10° secolo e, con tutta probabilità, addirittura a prima di questa data. Questa piccola perla architettonica fu completamente ristrutturata su volere del Granduca Cosimo I.

Mangiando un bel gelato ho percorso tutta la strada che gira intorno alla Villa, arrivando sotto una scalinata che porta proprio dietro alla Chiesa con il suo campanile.

Vi consiglio di andarci, magari un giorno in cui c’è qualche evento come quello che ho trovato io, volendo potete girare il piccolo borgo in nemmeno 2 orette e gustarvi, perchè no, un buon gelato ammirando il bellissimo paesaggio dall’alto della scalinata della Villa.

Stay tuned!

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Post

Ambra

Sono Ambra, ho 24 anni e abito nella bellissima città di Firenze. Ho una passione sfrenata per le foto e i viaggi e se anche voi siete intrepidi viaggiatori o siete soltanto curiosi seguitemi alla scoperta di meravigliosi posti e non ve ne pentirete assolutamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat