Borghi,  Italia,  Toscana

Montecatini Alto – un piccolo borgo da scoprire

Il borgo di Montecatini Alto è l’antico nucleo della cittadina di Montecatini, ma perse progressivamente importanza anche a causa della crescita di questa città che si sviluppò poi alle pendici del colle per lo sfruttamento delle acque termali. Sorge sul colle detto “lunato” per la caratteristica forma concava e allungata simile alla falce della luna ed era, anticamente, un castello munito di due fortezze, sette porte di accesso e oltre 25 torri, circondato da una cortina muraria di due chilometri. Eppure nel 1554 Cosimo I dei Medici assediò il borgo e quello che possiamo vedere oggi è ciò che resta dopo la distruzione di quell’anno.

Ho iniziato la mia visita al borgo attraverso la Porta di Borgo.

Immagine correlata

Montecatini alto

E l’unica porta rimasta intatta delle otto porte che un tempo permettevano l’ingresso al borgo e testimonia che un tempo la cittadina era circondata da mura.

Delle 25 torri che prima erano presenti nel borgo, solo alcune sono visibili ancora oggi e la prima che possiamo vedere si trova proprio vicino alla Porta di Borgo.

Montecatini alto

La stradina per arrivare al centro del Borgo e più precisamente in Piazza Giusti è bella ripida e lastricata in pietra e sinceramente passando da questa via sembrava quasi non ci fosse nessuno tale era il silenzio che regnava.

Mi sono ricreduta solamente quando sono arrivata in Piazza Giusti dove ci sono molti locali e dove persone di tutte l’età erano sedute chi per mangiare e chi solo per chiacchierare.

Immagine correlata

Montecatini alto

Qui possiamo vedere altre 2 delle 25 torri di un tempo, oltre ad un monumento per i caduti.

Montecatini alto

Montecatini alto

Piazza Giusti è anche sede del Teatro dei Risorti.

Immagine correlata

Montecatini alto

Lo stanzone delle commedie (così veniva chiamato nel 1600) oltre ad essere un teatro era adibito anche a scuola pubblica. Si dice che il Teatro dei Risorti sia lo spazio teatrale più antico della provincia di Pistoia.

Prendendo poi un’altra stradina di fianco al Teatro, sempre in salita, perchè dovete sapere che Montecatini Alto è la San Francisco di noialtri, ho trovato la Chiesa di San Pietro Apostolo.

Immagine correlata

E’ in stile romanico e presenta una grande torre campanaria che in parte oscura la facciata, ma che ne costituisce una sorta di completamento architettonico.

Immagine correlata

Montecatini alto

Da qui ho potuto godere di una vista magnifica su Montecatini Terme.

Montecatini alto

Accanto alla Torre e quindi anche alla Chiesa ci sono degli scalini che portano ad una specie di parchetto che costeggia la Rocca di Montecatini che però era chiusa quando ci sono andata… Peccato.

Immagine correlata

Montecatini alto

La Rocca presentava una grande piazza d’armi protetta da alte mura e una torre costruita su una precedente usata come residenza.

Accanto alla Rocca un monumento, voluto dalle quattro Armi (Vigili del Fuoco, Artiglieria, Genio Militare e Marina), rende omaggio a Santa Barbara, patrona di Montecatini e di chi si dedichi alle armi da fuoco, attraverso l’esposizione di alcuni reperti storici delle varie istituzioni rappresentate.

All’interno sempre del parchetto possiamo vedere una specie di capanna fatta con della legna, sicuramente non avrà niente di simbolico, ma mi è sembrato quasi di essere in un’isola sperduta per un momento.

Successivamente sono andata a vedere, solamente da fuori, la funicolare. Costruita nel 1898 è la più vecchia del mondo che da valle e quindi da Montecatini Terme porta al borgo.

Immagine correlata

Anche da qui possiamo godere di una splendida vista sulla città.

Ultima tappa ma sempre in salita che quasi alla fine non ce la facevo più, sono arrivata alla Chiesa dei Santi Jacopo e Filippo con annessa la Torre dell’Orologio (o Torre dei Lemmi).

Immagine correlata

 

La Torre è una della sei torri rimaste. Si tratta di una struttura, che svolgeva una funzione esclusivamente militare, situata in posizione dominante verso la pianura.

Sul lato nord della torre, in modo da essere visibile a tutto il paese, si trovava, come ancora adesso, un orologio. Ricostruito nel 1695 è tuttora conservato nella torre, con alcune aggiunte elettriche apportate nel corso del ventesimo secolo nel tentativo di modernizzare il funzionamento.

Mi è piaciuto moltissimo questo piccolo borghetto, da vari punti possiamo ammirare bellissimi paesaggi e inoltre anche gli edifici sono molto caratteristici. Vi consiglio quindi sicuramente di andarci, anche mezza giornata, e magari di fare un salto come me ad una gelateria che si trova sulla stradina che porta a Piazza Giusti dove si mangia un buonissimo gelato. Tornando verso la macchina ci voleva proprio per rinfrescarmi e per riprendere le energie delle numerose salite!

Stay tuned!

Related Post

Ambra

Sono Ambra, ho 24 anni e abito nella bellissima città di Firenze. Ho una passione sfrenata per le foto e i viaggi e se anche voi siete intrepidi viaggiatori o siete soltanto curiosi seguitemi alla scoperta di meravigliosi posti e non ve ne pentirete assolutamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat