Città,  Italia,  Toscana

Lucca con le sue mura e le sue torri

La prima cosa che ho visto a Lucca è stata l’acquedotto romano, o meglio, l’inizio dell’acquedotto Nottolini.

Immagine correlata

Acquedotto luccaIn antichità, a Lucca esisteva un acquedotto sotterraneo che alimentava alcune fontane all’interno delle mura lucchesi. Col passare del tempo però tali fonti andarono perdute e da qui nacque la necessità di rifornire Lucca di una nuova fonte idrica in modo da non avere problemi igienici e di rifornimento di acqua potabile corrente. Spesso infatti, l’acqua dei pozzi risultava essere poca e malsana. Solo nel 1823 i lavori iniziarono grazie alla duchessa di Lucca e all’architetto Lorenzo Nottolini.

Acquedotto LuccaAd oggi è ancora architettonicamente integro ma non ha più la funzione di approvvigionamento idrico in quanto, prima in epoca fascista e poi successivamente, è stata costruita in mezzo ad esso  l’autostrada A11 interrompendolo.

Dopodiché ho parcheggiato proprio accanto alle mura di Lucca, che circondano la città, il secondo maggior esempio in Europa di mura costruite secondo i principi della fortificazione alla moderna.

Immagine correlata

Mura LuccaLe mura sono lunghe poco più di 4km. Furono costruite come deterrente contro la mira espansionistica di Firenze e poi del Granducato di Toscana ma in realtà non sono mai state utilizzate a scopo difensivo. L’unica occasione in cui le mura furono messe alla prova fu durante l’alluvione del Serchio nel 1812. Le porte furono sprangate e perfino Elisa Bonaparte, Principessa di Lucca e Piombino, per entrare nella città fu fatta issare con una sorta di bilanciere per non aprire i battenti sprangati alla furia delle acque.

Mura LuccaOggi le mura sono diventate un grande parco pubblico, dove le persone possono passeggiare e svolgere attività fisica.

Sotto le mura possiamo trovare la cosiddetta Lucca sotterranea.

Mi sarebbe piaciuto vedere più sotterranei ma sinceramente non sapevo da che parte trovare le varie entrate quindi sono andata solamente in alcuni cunicoli.

Sotterranei Lucca

Alcuni posti presentavano delle specie di statue, se così si possono chiamare, alcune fatte di legno, altre di cartone.

Poi mi sono incamminata verso il centro città passando dalla via dei fossi, una via appunto divisa da un fosso in stile Amsterdam… Anche se in maniera molto più ridotta.

Immagine correlata

Fosso Lucca

Accanto a questa via c’è una porta bellissima che è uno dei tanti accessi alla città: porta San Gervasio.

Immagine correlata

Porta San Gervasio Lucca

La porta era difesa dal fosso appena visto e ci si accedeva grazie ad un ponte levatoio.

Subito dopo sono salita sulla Torre Guinigi. Il biglietto costava 4€ ma ho preferito spendere 9€ per salire anche sulla Torre delle Ore e visitare l’orto botanico.

Immagine correlata

Torre Guinigi Lucca

Delle 250 torri che esistevano un tempo, questa è una delle poche rimaste, molto particolare in quanto sono stati piantati dei lecci sul suo tetto, simbolo di rinascita dalla famiglia a cui deve il nome, la famiglia Guinigi.

Per andare sulla sua sommità ci sono 230 scalini, le prime rampe sono normali, nel senso si fanno facilmente e sembrano quelle che si possono trovare all’interno di qualsiasi condominio. Mano a mano che si sale le cose si iniziano a fare leggermente più difficili soprattutto per chi soffre di vertigini in quanto le rampe seguono il perimetro della torre e nel mezzo c’è il baratro.

Arrivati poi proprio in cima ci sono delle piccolissime rampe che si fa fatica a poggiarci due piedi insieme.

Salito l’ultimo gradino si apre la vista alla città. Quando ci sono salita io c’era un vento che portava via ma sono riuscita comunque vedere molto cose dall’alto.

Vista città LuccaL’unica cosa che vorrei criticare è che hanno fatto il giardino pensile dove hanno piantato i lecci bello grande e il camminamento è piccolissimo e ci si deve stringere alle altre persone per passare.

Allungando lo sguardo possiamo perfino vedere le Alpi Apuane.

La successiva tappa è stata Piazza dell’Anfiteatro.

Immagine correlata

Piazza dell'anfiteatro Lucca

 

 

 

 

Related Post

Ambra

Sono Ambra, ho 24 anni e abito nella bellissima città di Firenze. Ho una passione sfrenata per le foto e i viaggi e se anche voi siete intrepidi viaggiatori o siete soltanto curiosi seguitemi alla scoperta di meravigliosi posti e non ve ne pentirete assolutamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat