Balze
Italia,  Natura,  Toscana

Le Balze – lo sfondo della Gioconda

Le Balze sono costituite da sabbia, argilla, ciottoli e ghiaia stratificate e sono alte fino a un centinaio di metri, hanno forme diversificate, intercalate da profonde gole. Si sono formate per erosione in seguito al prosciugamento di un lago plioceno. Esso era lungo circa 20km e ricopriva la zona dell’attuale Valdarno due milioni di anni fa. Poi si sono modellate grazie agli agenti atmosferici nel corso degli anni.

Il primo che si accorse della loro particolarità fu Leonardo da Vinci che le dipinse nel celebre quadro della “Gioconda”. 

Balze

Ci sono vari punti panoramici e sentieri per poterle ammirare.

Io sono partita dalla località del Botriolo dove c’è una strada piccola e a tratti sterrata che termina in un agriturismo. Lungo questa strada ce le ritroviamo sulla nostra sinistra in tutto il loro splendore.

Immagine correlata

Balze Volendo possiamo avvicinarsi ad esse anche se non troppo in quanto ai loro piedi ci sono delle vigne.

Balze

Poi ho raggiunto Pientravigne, un paesello superato il quale si apre una vista magnifica sulle Balze.

Immagine correlata

BalzeVi consiglio di arrivarci la mattina in quanto avrete il sole dietro che ve le illumina completamente. Io essendo invece arrivata il pomeriggio avevo il sole contro che me le ha rovinate un po’.

Balze

Lasciato Pientravigne ho fatto una piccola tappa ad un piccolo ponte romanico poco più avanti, immerso in un paesaggio che sembra fiabesco, so che non c’entra niente con le Balze, ma una piccola parentesi la merita sicuramente.

Immagine correlata

Ponte romanico

Proseguendo sono andata verso Persignano ma lungo quella strada non c’erano scorci proprio da dire wow e fermarsi. Sono arrivata ad un’altra stradina sterrata dove in pratica ho guidato insieme a dei fagiani che tranquillamente non si spostavano dalla strada… Della serie che se ero un cacciatore quelli erano già sulla pentola, poverini.

Immagine correlata

FagianiLungo questa strada ho visto varie Balze, molto belle anch’esse.

Il mio giro si è concluso in un piccolo paesino chiamato Montemarciano dove per accedervi c’è una specie di porta fatta a campana, molto caratteristica.

Immagine correlata

Porta a campanaE’ un’ antica porta medioevale ancora integra che nel XIII secolo proteggeva questo piccolo paesino e il lato interno della porta presenta ancora le scale che conducono a quello che era il camminamento di ronda.

In conclusione posso dire che queste Balze mi sono piaciute moltissimo, mi piace come la forza della natura riesca a modellare così la roccia e a creare un paesaggio così meraviglioso. Mi sarebbe piaciuto avere più tempo magari per camminare lungo i vari sentieri, tra cui il sentiero della sorgente dell’acqua zolfina, così da poterle ammirare di più, ma comunque non mi lamento per quanto sono riuscita a vedere imprimendole così nella mia mente. Vi consiglio sicuramente di andarci e appunto avventurarvi lungo tutti i possibili sentieri alla scoperta di questo bellissimo paesaggio.

Stay tuned!

Related Post

Ambra

Sono Ambra, ho 24 anni e abito nella bellissima città di Firenze. Ho una passione sfrenata per le foto e i viaggi e se anche voi siete intrepidi viaggiatori o siete soltanto curiosi seguitemi alla scoperta di meravigliosi posti e non ve ne pentirete assolutamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat